Corso di Chitarra e Canto brasiliani

 

Contenuti generali e destinatari del Corso

La musica popolare brasiliana si è diffusa nel mondo, a partire dagli anni ’60 (l’esordio della bossanova è del 1959) ed esiste dunque da oltre mezzo secolo. Dal punto di vista strettamente tecnico si distingue per un uso molto originale dell’armonizzazione, che sicuramente merita di essere oggetto d’apprendimento (anche solo a livello informativo); per non parlare della particolare intensità emotiva che è capace di veicolare (vedi per es. il sentimento della saudade, tipico di questa cultura…). Conoscere e confrontarsi con il linguaggio di questa musica rappresenta, dunque, un arricchimento, sia dal punto di vista stilistico (la chitarra, in questo genere, viene usata per esprimere simultaneamente melodia, armonia e ritmo, la qual cosa rende questo linguaggio formativo anche per la pratica compositiva), che da quello dei contenuti (quella già detta visione della vita fondata sull’intensità e sul contrasto, visione dunque più specificatamente umana, nonchè poetica). Rivolgiamo questo insegnamento a chiunque abbia una buona padronanza tecnica della chitarra e della voce, a diplomati in chitarra classica o jazz, nonché eventualmente a semplici uditori.(Non è necessario conoscere la notazione musicale tradizionale )

Articolazione e contenuti specifici del Corso Chitarra

La chitarra nella M P B In Brasile durante la fine degli anni ’50 e agli inizi del anni ’60 avviene un importante fenomeno di esportazione musicale chiamato Bossanova. Nonostante essa sia stata influenzata sul nascere dal Cool Jazz statunitense, ha portato alla luce elementi autoctoni marcatamente brasiliani: la Bossanova riconsegna alla chitarra una posizione centrale svolgendo oltre al ruolo di accompagnamento quello, sottinteso, di propulsore ritmico, ossia delle percussioni. Sullo strumento gli accordi diventano “ambienti emozionali” dentro i quali si muove la voce restituendo ai suoni una pienezza e intensità assolutamente peculiari. Nell’apprendimento della chitarra brasiliana è utilissimo lo studio parallelo delle percussioni per evidenti motivi didattici: comprendere e praticare alcuni strumenti percussivi permette un trasferimento più veloce delle poliritmie caratteristiche di questa musica e delle pulsazioni di base relative ai vari stili.

Principali posizioni tipiche della chitarra brasiliana: 7 magg., 6/9, 7magg./9, m6, 13, ecc.
Rivolti (quinta e terza al basso) - esecuzione della Bossanova “classica”
Le percussioni: il ganza e il tamborim nella bossanova e nel samba

• Gli stili chitarristici

a. Bossanova
b. Samba canção
c. Baião
d. Chôro
e. Frevo
f. Samba
g. Samba funky
h. Afoxè

Canto

• La pronuncia della lingua portoghese nella musica brasiliana La lingua brasiliana è il portoghese, parlato e cantato con suoni assolutamente peculiari. Con una caratteristica “nasalizzazione” (emissione anche attraverso il naso) e con un maggior numero di armonici, questa lingua possiede una profondità espressiva che può essere correttamente impostata.
• Voce Imparare a cantare “brasiliano” significa fare anche uno studio sull’interpretazione, innanzitutto per quel discorso delle poliritmie che chi canta deve completamente padroneggiare… (eseguire lo stesso brano in maniera ogni volta diversa unitamente alla possibilità di anticipare a piacere le frasi melodiche…); inoltre per quella capacità squisitamente umana di passare da un sentimento al suo opposto oppure poterli contenere entrambi, nell’atto stesso del canto.
• I versi delle canzoni (ovvero la poesia nella musica popolare brasiliana). In Brasile i cantautori sono considerati anche grandi poeti. Spesso i versi delle canzoni sono poesie che possono vivere autonomamente, senza le relative melodie. Materiali didattici : Cd, Internet,strumenti percussivi: ganzà, pao de chuva.

 

Il M° Gianni Rotondo

Compositore, chitarrista ed interprete, si è esibito in festival di carattere nazionale e internazionale (Time Zones-1993, Salentoguitarfestival-2014 Lecce) dopo una lunga permanenza a Roma, città nella quale ha conosciuto e praticato la musica popolare brasiliana per circa un ventennio (jazz-club Alexander Platz 1986-1987).Ha collaborato con Karl Potter (Pino Daniele), Michele Ascolese (F. De Andrè), Pasquale Angelini (Teresa De Sio), Mauro Dolci (trasmissione Rai “Quelli della notte”), Stefano Rossini, Augusto Alves e Paolo Rocha. E inoltre con noti musicisti pugliesi di statura internazionale: Mario Rosini (secondo posto a Sanremo 2004), Paolo Romano, Giacomo Desiante, Franco Chirivì, Tommaso Colafiglio.

È stato selezionato dall’agenzia milanese Balich Worldwide Shows (Olimpiadi Rio 2016) per esibirsi, con una celebre cantante indiana, alle nozze-evento Agarwal-Metha, svoltosi nel settembre 2014 presso il resort pugliese Masseria S.Domenico- Fasano (Br).

È attualmente “music designer” presso il resort “Borgo Egnazia” (Fasano -Savelletri-Br) all’interno della Spa “Vair”,  per la quale ha ideato un progetto di musicoterapia rivolto alla clientela soprattutto straniera nonché la sonorizzazione di alcuni ambienti dedicati alla cura e al benessere psicofisico. 

A febbraio 2019 una canzone di G. Rotondo (Un giorno perfetto) è presente nel disco sanremese di Patty Pravo, “RED”.

Nell’aprile 2019 è nel Cd (interamente dedicato alla chitarra) “Nas Cordas”, di Franco Chirivì (ediz. Dodicilune), dedicato alla musica brasiliana, dove canta e suona con Chirivì (unica traccia cantata del  disco) il famoso brano “Carinhoso”. (Nel cd un endorsement del chitarrista statunitense Mike Stern).

Ha pubblicato con Paolo Romano, il cd “Caminho do mar” (2006 - Ediz. Self-Milano), opera dedicata alla musica popolare brasiliana, contenente brani anche inediti. Tra i musicisti  ospiti: Mario Rosini.

Il suddetto cd si può ascoltare su Spotify (Paolo Romano-Gianni Rotondo “Caminho do mar”)

Vive ed opera attualmente in Puglia, a Fasano (BR).